Giro d’Italia, tutto sulla 5ª tappa Pedara-Messina: storico traguardo a Palazzo Zanca dopo un bellissimo circuito nel centro storico della città

da StrettoWeb

Giro d’Italia, tutto sulla 5ª tappa Pedara-Messina: storico traguardo a Palazzo Zanca dopo un bellissimo circuito nel centro storico della città

Il Giro d’Italia torna a Messina, per la 9ª volta come traguardo di tappa: un palmares storico, una giornata bellissima. Appuntamento Mercoledì 10 Maggio per la 5ª tappa del Giro del Centenario.

di Peppe Caridi
planimetria tappa
planimetria tappa

Il Giro d’Italia torna a Messina per la 5ª tappa dell’edizione del Centenario che scatterà tra poche ore da Alghero in Sardegna: l’appuntamento in riva allo Stretto è per Mercoledì 10 Maggio, un incontro con la storia. E’ l’11ª volta che il Giro tocca Messina, e per la 9ª volta il traguardo di una tappa sarà posto proprio nella Città dello Stretto. Chi sarà il successore di Petacchi, l’ultimo ad alzare le braccia al cielo nella città peloritana nella volata di gruppo del 2003?

Il Giro d’Italia a Messina: un po’ di storia

Messina fu la sede della partenza della prima storica tappa del Giro d’Italia in Sicilia, nel 1930, la Messina-Catania. Poi nel 1931 il primo arrivo in riva allo Stretto per la Palermo-Messina vinta da Luigi Marchisio. Nel 1949 altro arrivo con la tappa Catania-Messina vinta da Sergio Maggini. Il ricordo più bello è quello del 1972, con la Messina-Messina di 110km, partenza e arrivo nel cuore della città dopo un circuito mozzafiato sui monti Peloritani e sui colli panoramici dello Stretto. Il Giro arrivava da tre giorni in Calabria con gli arrivi di Cosenza, Catanzaro e Reggio in una delle edizioni più meridionali della storia. A Messina si arrivò nello stesso circuito finale di quest’anno, e la tappa fu vinta dal belga Albert Van Vlierberghe. In riva allo Stretto sfilò in maglia rosa il grande Eddy Merckx, che aveva conquistato la maglia di leader a Catanzaro e non l’avrebbe mai più persa fino a Milano.

Nel 1976 altra bellissima tappa, Cefalù-Messina, 192km con la vittoria di un fantastico Francesco Moser. Altra Cefalù-Messina nel 1982, vinta dallo svizzero Urs Freuler con Moser stavolta in maglia rosa. Nel Giro d’Italia del 1989 una bellissima cronometro a squadre da Villafranca Tirrena a Messina vinta dall’Ariostea, poi nel 1993 la tappa Villafranca Tirrena-Messina di 130km vinta da Guido Bontempi con in maglia rosa Moreno Argentin.

Nei tempi più recenti, il Giro è stato a Messina nel 1999 con un’altra Catania-Messina vinta in volata dal velocista olandese Jeroen Blijlevens, che quel giorno indossò anche la maglia rosa sfilandola a Cipollini, coinvolto in una brutta caduta a Castroreale Terme. E’ stata forse la tappa più prestigiosa per la caratura dei corridori che i messinesi hanno potuto ammirare quel giorno in piazza Duomo: le leggende Marco Pantani e Mario Cipollini, i francesi Richard Virenque e Laurent Jalabert, gli spagnoli Roberto Heras e José María Jiménez e vari campioni italiani come Paolo Savoldelli, Ivan Gotti, Davide Rebellin, Stefano Garzelli, Ivan Quaranta, Danilo Di Luca, Gilberto Simoni, Dario Frigo e il grandissimo cronoman ucraino Serhij Hončar. Anche quel giorno, come quest’anno, la tappa successiva sarebbe arrivata a Terme Luigiane, ma stavolta si partirà da Reggio Calabria mentre in quel caso lo “start” fu dato da Vibo Valentia.

Oggi Messina celebra la propria, di leggenda. Per la prima volta il Giro passa a Messina da quando Vincenzo Nibali, Re del Tour de France 2014 e vincitore del Giro d’Italia nel 2013 e nel 2016, transiterà in corsa nella sua città. E sarà anche una tappa importante, perché è la 5ª, quindi la corsa sarà già nel vivo, e si correrà il giorno dopo di un tappone con l’arrivo in cima all’Etna, quindi i big non potranno nascondersi e avremo già capito molto di come andrà a finire questa storica edizione della corsa rosa.

Giro d’Italia 2017: focus sulla 5ª tappa Pedara-Messina

T04_Praia AM_ARR
cartina circuito finale

La tappa partirà da Pedara e sarà molto breve, di appena 159km. La partenza da Pedara è prevista per le 13:20 e si arriverà a Messina intorno alle 17:15. Sarà una tappa bellissima che risalirà tutta la Sicilia orientale settentrionale, dapprima lungo un percorso mosso e ondulato sul versante orientale dell’Etna e nella Valle dell’Alcantara, poi risalendo a Taormina e infine percorrendo tutta la SS114 “Orientale Sicula” da Taormina, appunto, fino a Messina con la ciliegina finale del circuito cittadino di 6.3 chilometri da ripetere una volta. Il traguardo sarà posizionato in via Garibaldi a Palazzo Zanca, dopo un circuito che prevede appunto un tour nel centro tra via Cesare Battisti e Corso Cavour. Sono tutti viali larghi e rettilinei intervallati da curve ad angolo retto. Negli ultimi chilometri ci sarà un’importante inversione a “U” (piazza Castronovo) ai 1.500 metri dal traguardo con lunghissimo rettilineo finale (prima parte in leggera discesa) fino all’arrivo. Rettilineo finale di 1500 metri, largo 7.5 metri, pianeggiante su asfalto.

Per l’occasione, Mercoledì 10 Maggio a Messina saranno chiuse tutte le scuole, molte strade e forse anche alcuni svincoli autostradali (Boccetta e Tremestieri).

Questi gli orari di transito del gruppo previsto nelle varie località della Provincia peloritana:

Francavilla di Sicilia: 15:12

Gaggi: 15:27

Giardini Naxos 15:36

Taormina 15:50

Letojanni 15:57

Santa Teresa di Riva 16:11

Roccalumera 16:17

Ali Terme 16:24

Scaletta Marina 16:32

Tremestieri 16:50

Messina 17:00

Messina traguardo dopo circuito 17:15